Realizzazione accesso pedonale in galleria, da Via Flora al Giardino C. Fontana, Ariccia (Rm) - 2003

A R C H I T E T T O    G I O R G I O    M A G I S T R I

S T U D I O   -    V I A L E    A . C H I G I    3   -   0 0 0 4 0     A R I C C I A    ( R O M A )   -   T E L . / F A X    0 6 . 9 3 3 4 1 3 1


Progetto - Direzione dei Lavori - Coordinamento per la Sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione

con Ing. Mario Iacoangeli

 

Committente: Comune di Ariccia (Rm)

Superficie: mq.

 

Moi, Je costruis - Alvar Aalto


A completamento del parcheggio pubblico Borgo S. Rocco e al fine di collegare al meglio tale servizio al Centro Storico di Ariccia è emersa la necessità di facilitare ai residenti e ai visitatori il diretto utilizzo dello stesso, evitando loro di un tragitto più lungo su Via Borgo S. Rocco.
A questo proposito, il Comune di Ariccia ha provveduto all'acquisto propedeutico di una porzione di locale compreso tra Via Flora e il Giardino Carlo Fontana annesso al parcheggio e costituito dal terrazzamento posto a quota superiore. Essendo tale locale situato nel Centro Storico, in posizione pressochè centrale - e quindi strategico - rispetto alla strada, il nuovo percorso pedonale "in galleria", avrebbe anche consentito un rapido collegamento con il Municipio ed il Corso Garibaldi e viceversa. 
Il parcheggio ed il giardino risultavano avere quote differenti rispetto al piano di calpestio del locale sopra citato, pertanto al fine di garantire il superamento di tali dislivelli, già nella prima redazione del progetto si è ricorso alla soluzione della scala di acciaio a due rampe, che avrebbe collegato il piazzale del parcheggio con il giardino e più in alto, lo stesso giardino al locale su Via Flora.Tale scala, poggiante su pilastri in acciaio, risulta essere composta da una struttura in profilati zincati e verniciati con gradini in metallo fissati su telai di acciaio. Una seconda rampa, anch'essa in acciaio, collega - come detto - il giardino al locale con passaggio pedonale sulla Via Flora.
L'abbattimento dell'impatto ambientale delle scale in acciaio è stato assicurato da una schermatura in siepe di lauro che in tempi brevi le ha rivestite formando un "muro" a paramento verde.
All'interno del locale, previo miglioramento e risanamento conservativo della muratura esistente è stato necessario - per realizzare l'accesso pedonale - aprire un varco in breccia sulla parete verso il giardino e posizionare al suo interno due putrelle d'acciaio, fra loro inchiavardate con barre filettate, provviste di dadi e controdadi. Per rendere fruibile il locale, si è provveduto: all'abbassamento dell'originario piano di calpestio, alla demolizione e al ripristino di una pavimentazione in cotto, alla realizzazione di due cancelli in ferro da posizionare agli accessi, per dividere il passaggio pubblico dalla restante parte - privata - del locale, alla pavimentazione del passaggio con blocchetti antiscivolo di peperino, all'intonacatura delle pareti, alla realizzazione di un impianto elettrico con predisposizione degli apparecchi illuminanti (a palpebra) e delle necessarie canalizzazioni, utili all'installazione di telecamere a circuito chiuso per un uso vigliato ed in sicurezza del passaggio stesso.

Giorgio Magistri


Galleria di immagini in inserimento

Ultimo aggiornamento (Lunedì 08 Agosto 2011 10:20)