Biografia

A R C H I T E T T O    G I O R G I O    M A G I S T R I 

S T U D I O   -   V I A L E   A .   C H I G I  ,  3   -   0 0 0 4 0   A R I C C I A    ( R O M A )    -   T E L . / F A X    0 6 . 9 3 3 4 1 3 1

Non dar retta ai tuoi occhi, e non credere a quello che vedi. Gli occhi vedono solo ciò che è limitato. Guarda col tuo intelletto, e scopri quello che conosci già, allora... imparerai come si vola. da Il Gabbiano Jonathan Livingston - Richard Bach


Giorgio Magistri nasce ad Albano Laziale nel 1962, già da ragazzo ha la passione per il disegno che esercita con ogni strumento su ogni superficie.

Dopo aver frequentato il Liceo Scientifico Giovanni Vailati a Genzano di Roma (Rm), nella mansarda di casa trova un tavolo tecnigrafo, regalo del padre.

Compie gli studi presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza, dove si laurea in Architettura con tesi in Storia dell’Architettura (1990) - relatore prof. arch. Sandro Benedetti, correlatore prof. arch. Giovanni Carbonara -.

Nel 1991, frequenta - presso la Palazzina di Caccia di Stupinigi (To) - il Seminario di Perfezionamento in Restauro Architettonico con il patrocinio del Politecnico di Torino, direttori: arch. Roberto Gabetti, arch. Aimaro Isola.

Due anni dopo, presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza, consegue il diploma di Specialista in Restauro dei Monumenti; relatore prof. arch. Sandro Benedetti, correlatore prof. ing. Ippolito Massari.

Dal 1991, esegue alcuni progetti e studi per spazi privati e sacri. Per la specifica, si rimanda alle Sezioni "Spazi privati" e "Spazi sacri".

Impegnato da sempre, in un’intensa attività per la promozione culturale nel territorio dei Castelli Romani, nel corso degli anni si è attivato come:

Responsabile dell’Ufficio per i Beni Culturali Diocesani e membro della Commissione Diocesana per l’Arte Sacra, inizia l’inventariazione informatizzata dei beni storico artistici nella Diocesi di Albano;

Presidente del Comitato Scientifico, Socio fondatore e membro del direttivo dell'Associazione Colle Pardo onlus, a difesa e per un salvifico recupero del monumento verde di 28 ettari;

Socio fondatore e membro del primo direttivo dell'Accademia degli Sfaccendati, per un nuovo risveglio culturale di Ariccia;

Socio fondatore e membro del primo direttivo dell'ArcheoClub d'Italia - sede Aricino-Nemorense a favore della riscoperta e della valorizzazione dell'antica Aricia;

Redattore e consulente tecnico peritale de La Gazzetta dell’Antiquariato - organo informativo ufficiale dell’Associazione Periti d’Arte e Antiquariato;

Collaboratore della storica rivista Castelli Romani vicende-uomini-folclore, fondata nel 1956 da Vincenzo Misserville, come redattore di storie, personaggi e vicende locali;

Membro del direttivo dell'Associazione Amici della rivista Castelli Romani;

Capo scout nell'Agesci, gruppo Ariccia 1;

Relatore di numerose conferenze, convegni, visite guidate e mostre d’arte;

al suo attivo figurano oltre 60 pubblicazioni a carattere storico e scientifico, sempre a sostegno della Cultura nei Castelli Romani.

Come saggista storico, il suo ultimo lavoro letterario: De Gasperi un grande uomo ai Castelli Romani, è risultato il libro più premiato del 2010.

Tra gli importanti riconoscimenti internazionali: il Premio del Presidente al Trofeo Penna d’Autore di Torino; il Trofeo per la Saggistica - Premio Europeo di Arti Letterarie Via Francigena a Filetto (MC); il Premio Selezione per la Saggistica Edita - Premio Archè 2010, Anguillara Sabazia (Rm); il 2° posto al Premio Letterario Internazionale Città di Cattolica (RN)”; il Premio Saggistica Il Golfo a La Spezia (Ge).

Tra i lavori pubblici progettati e realizzati in Ariccia (Roma), che hanno ricevuto consensi e attenzione dalla stampa, meritano di essere ricordati:

il Recupero Ambientale a verde pubblico attrezzato delle Aree destinate a Giardini e Parchi;

i cinque grandi parcheggi-giardino pubblici con l’uso di terre rinforzate;

il Risanamento e l’Arredo del Parco Bonaparte-Primoli;

il Restauro delle tempere murarie e il miglioramento statico delle murature nella storica Locanda Martorelli (sec. XVII – XVIII);

lo Studio per il Recupero del Complesso Berniniano;

il Risanamento e Recupero della Piazza Dante Alighieri e dell’antistante scalinata Pompeo Magno a Galloro;

la Ristrutturazione e l’adeguamento dell’ex Mattatoio a Museo della porchetta e dei prodotti tipici (oggi Casa delle Associazioni);

il Recupero delle Scuderie Chigi (Stalloni) del sec. XVII, da adibire a Biblioteca Comunale Multimediale.

Recentemente, ha curato per il Comune di Ariccia (Roma): lo Studio storico e il rilievo delle Scuderie Chigi (gli Stalloni); le Analisi, ricerche ed elaborazioni progettuali della città storica; una Schedatura delle emergenze e dei resti archeologici esistenti nel territorio per la nuova variante al P.R.G.; una Relazione archeologica (art. 37, L.R. 38/39) per la redazione della Variante speciale - Recupero di edilizia ex abusiva ai sensi della L.R. 28/80; il Progetto di Fattibilità per il Restauro e il riuso del Tempio in Via Egeria nel Centro Storico.

Esercita prestazioni di carattere didattico-educativo in un Liceo Classico e in un Liceo Scientifico nei Castelli Romani.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 03 Giugno 2015 22:13)